Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da giugno, 2024

La gestione degli imprevisti

A breve disponibile anche tramite podcast . Come allenare l’attenzione e la capacità di portare a termine il compito prefissato anche in situazioni avverse, ovvero quando si verificano eventi inaspettati? Proviamo a farlo all’interno del laboratorio di Logoteatroterapia. La disciplina, come esplicitato più volte, utilizza elementi e tecniche teatrali con il solo scopo di migliorare la qualità della vita di coloro che vi partecipano, agendo su aspetti fondamentali quali l’autoregolazione, l’organizzazione spazio-temporale, le Funzioni Esecutive, il linguaggio congruo e contestuale e molto altro ancora. Vediamo adesso insieme uno di questi aspetti. Venerdì mattina. Uno dei ragazzi impegnati nella realizzazione della prossima performance, si ritrova a far le prove da solo. Paolo (nome di fantasia) è un adolescente affetto da disabilità cognitiva e lieve goffaggine motoria. A volte è preda di alcune rigidità comportamentali, altre volte non decodifica velocemente il contesto, in successiv

Laboratorio estivo con Claudia Fusari a Foligno

Due spettacoli di Logoteatroterapia a giugno e luglio

Il gioco simbolico

A breve disponibile anche tramite podcast . Innumerevoli studi sono concordi nell’intendere il gioco simbolico come l’utilizzo di oggetti o simboli per rappresentare altro, e che questa tipologia di gioco sia di fondamentale importanza per lo sviluppo cognitivo, la flessibilità e la creatività. Gli studi del celeberrimo psicologo Piaget hanno portato alla nostra conoscenza il fatto che il gioco simbolico compare tra i due e i sette anni: in questo arco di tempo il/la bambino/a riesce ad affinare la propria capacità di astrazione e di immaginazione di oggetti, situazioni e persone che non sono presenti. Ecco che ci viene in aiuto il laboratorio di logoteatroterapia, il quale ha tra i suoi scopi l’approfondimento e anche il consolidamento di tale competenza in tutti quei bambini e ragazzi che ancora non l’hanno armoniosamente sviluppata. Riccardo (nome di fantasia) è un bambino di 9 anni affetto dal Disturbo dello Spettro Autistico. Sempre allegro e simpatico, è spesso fuori contesto, p